Scuola d’Infanzia di Cascina, Pisa

Sei qui: Home - - Scuola d’Infanzia di Cascina, Pisa

Dettagli del progetto
Affinità:
scuole d'infanzia
Categorie
,
Data:
Settembre 2013
Cliente
Amministrazione Comunale di Cascina, Pisa
web:
Launch Project
Crediti:
Colucci&Partners architettura | HS Ingegneria | Ing.Luca Stefano Vannucchi | Ing.Roberto Giberti | Arch. Matteo Ferrini | Geoprogetti
Descrizione del progetto

Aspetti architettonici

L’edificio è caratterizzato dai tre volumi disposti lungo il alto nord che identificano le tre sezioni della scuola. Questi volumi, più alti del resto dell’edificio, sono arricchiti da una strombatura in legno di larice disposta a sud e che permette ai soggiorni delle sezioni di comunicare con lo spazio esterno prospiciente l’edificio.

La parte centrale della scuola accoglie lo spazio dell’agorà, dove i bambini di tutte le sezioni si incontrano per le attività in comune, i laboratori, gli spazi espositivi i due giardini d’inverno e lo spazio pranzo.

La parte a a nord invece, caratterizzata da una pelle in legno di larice, ospita i servizi.

L’edificio ha una superficie di circa 740mq è ha una pavimentazione interna in legno di rovere escluso i bagni ed i servizi e la copertura in legno a vista nelle sezioni. E’ stato fatto uno studio del colore che ha tenuto di conto dei colori utilizzati alle pareti, come rivestimento dei servizi igienici ed infine in abbinamento con gli arredi.

Sono stati utilizzati soltanto materiali ecocompatibili di ottima scelta e finitura, tutto a misura di bambino.

Caratteristiche strutturali

l’edificio è realizzato completamente in legno (escluso le fondazioni), mediante la tecnologia xlam, che prevede pareti in legno massello, stessa cosa per i solai. Le pareti sono tenute ancorate alla struttura di fondazione mediante appositi staffaggi in acciaio. Tutta la struttura è stata montata in circa 15 giorni lavorativi, mediante un assemblaggio in cantiere dei pannelli prelavorati in azienda.

A seguito del montaggio della struttura tutti i giunti tra ogni pannello sono stati nastrati riducendo quindi a zero le dispersioni d’aria verso l’esterno.

Caratteristiche energetiche dell’edificio e certificazione CasaClima

L’edificio ha ottenuto la certificazione CasaClima classe A, infatti a seguito dei rilievi effettuati e dei calcoli finali è risultato che l’edificio ha un consumo annuo di 28kW/mq.

La certificazione CasaClima è molto più stringente rispetto alla certificazione della legge nazionale italiana, e prevede il rispetto di un rigido protocollo che verifica ogni singola parte della struttura, la parte impiantistica, la modalità di posa ecc. I tecnici dell’Agenzia CasaClima hanno infatti eseguito molti sopralluoghi in cantiere durante la fase di esecuzione, rilevando misure, foto, rilievi strumentali e verbali al fine di constatare che ogni elemento, preventivamente studiato e concordato con i progettisti e direttori dei lavori, venisse rispettato e correttamente eseguito.

Il rispetto del protocollo dell’Agenzia CasaClima ha permesso di ottenere un edificio quasi a consumi zero.

Involucro

E’ stato realizzato un cappotto termico in parte con finitura a intonaco in parte con finitura in legno, avente come strato coibente un doppio pannello di fibra di legno a densità diversificate per uno spessore totale di 160mm, direttamente fissato alla parete portante in legno. Internamente sono state realizzate contropareti in gessorivestito con all’interno materassini di lana minerale per migliorare ulteriormente la resistenza termica della parete.

Anche i solai sono stati coibentati con la fibra di legno con opportuni spessori e densità. Il solaio di calpestio risulta isolato da terra mediante un solaio areato a sua volta isolato termicamente per uno spessore totale di circa 30cm.

 Parte impiantistica

La scuola è dotata di un impianto fotovoltaico costituito da rotoli di silicio amorfo per una superficie di circa 200mq ed una potenza totale di circa 14kW.

Si stima una produzione annua di circa 16’100,00 kWh.

Inoltre sono state installate tre turbine eoliche a rotazione verticale con una potenza totale di 3kW per le quali si stima una produzione annua di energia elettrica di circa 1050 kWh

La produzione di energia elettrica risulta soddisfare completamente il fabbisogno dell’edificio, per l’uso quotidiano dello stesso.

Da un punto di vista idrico, l’edificio è dotato di circa 27mq di collettori solari per la produzione di acqua calda, che generano circa 3300kWh di energia in un anno, utili a soddisfare il 100% del fabbisogno della struttura. Inoltre sono previsti alcuni collettori solari del tipo “heat pipe” necessari per la produzione di acqua calda per il riscaldamento, per un totale di 2600 kWh annui. Per completare il fabbisogno necessario per il riscaldamento invernale, è stato affiancato all’impianto “heat pipe” una caldaia a condensazione ad altissima efficienza. L’impianto di acqua calda sanitaria è dotato di un sistema che impedisce di avere acqua eccessivamente calda ai lavabi dei bambini per evitare le scottature.

L’uso dei collettori solari permette un risparmio annuo stimato di circa 7300kWh ed una minore emissione in atmosfera di CO2 (che sarebbe stata necessaria per la produzione dell’acqua calda) di circa 1396kWh

La scuola è anche dotata di un impianto di ricambio aria ambiente con recuperatore di calore per il volume centrale (zona dei laboratori) che permette di estrarre l’aria viziata dagli ambienti ed inserirne di nuova pretrattandola e riscaldandola per entalpia grazie all’area in uscita. Questo tipo di impianto permette anche di ottenere, con un limitatissimo consumo energetico per altro assorbito dalla produzione di energia elettrica delle fonti rinnovabili presenti, un sistema di free-cooling notturno per il raffrescamento degli ambienti semplicemente immettendo aria fresca notturna all’interno della scuola (in regime estivo).

Inoltre l’edificio è dotato di un sistema per il recupero delle acque piovane mediante la presenza di una cisterna di 5’000litri. L’acqua recuperata viene indirizzata alle cassette di sciacquo dei servizi igienici abbattendo il consumo di acqua dell’acquedotto pubblico. Si stima un risparmio di acqua di circa 200 lt/giorno.

Conclusioni

La somma dei fattori: forma, esposizione, dimensioni, impianti di produzione di energia elettrica rinnovabile, impianti di produzione del calore e dell’acqua calda sanitaria, riuso delle materie prime, porta ad un risultato eccezionale, con un consumo di 28 kWh/mq annui, l’utilizzo molto limitato di fonti di energia primaria dalla rete, consentendo di poter affermare che trattasi di un edificio che si avvicina notevolmente allo standard “passivo”. Un investimento sulla scuola e sul futuro.

Back to top